Open/Close Menu Delegazione di Napoli e Campania

13 luglio 2016, il Presidente del Corpo Internazionale di Soccorso presso l’Arcidiocesi di Campobasso-Boiano

ph.LucaToni

Mercoledì 13 luglio il Presidente del Corpo Internazionale di Soccorso del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, Marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli, si è recato a Campobasso presso la Caritas dell’Arcidiocesi di Campobasso-Boiano, e precisamente alla Casa degli Angeli, accompagnato dal Cavaliere di Merito con Placca Giuseppe D’Amico, per un’azione di beneficenza.

Questa donazione è stata resa possibile anche grazie alla collaborazione del Capitano Giancarlo Baronello, che attivamente collabora con il Corpo di Soccorso. Sono stati donati cinque bancali di generi alimentari: primi piatti in scatola e sottovuoto (pasta e fagioli, minestrone di verdure, insalata di riso, ravioli e tortellini al sugo), carni in scatola (wurstel, suino, pollo e tacchino), macedonie e gelatine di frutta, latte condensato, zucchero, biscotti, dolci, creckers, bustine di sale, confezioni di amuchina, compresse di crusca, compresse polivitaminiche, e altri generi di prima necessità.

Sono state inoltre donate due carrozzine per disabili, che il Presidente Sanfelice ha consegnato a Don Franco D’Onofrio, Direttore della Casa degli Angeli. Le carrozzine sono state donate dal Cavaliere di Merito Vincenzo Triente Castaldo e dalla Dama di Merito Concetta Battimelli.

Erano presenti all’incontro Don Giuseppe Nuzzi, Vicario dell’Arcivescovo, il Direttore della testata giornalistica “Primo Piano del Molise” Luca Colella, l’Assessore alle Politiche Sociali Alessandra Salvatore e il volontario della Caritas Antonio Russo.

Con una delibera di giunta comunale, che ha dato l’ok finale per il comodato d’uso gratuito, l’ex asilo di Monte San Gabriele si è trasformato nella “Casa degli Angeli Papa Francesco”: non solo mensa per i poveri gestita dalla Caritas di don Franco e inaugurata il giorno della visita del Pontefice, ma un centro interamente dedicato agli ultimi, ai poveri, a chi vive in quelle periferie che il Santo Padre abbraccia ogni giorno nel Suo cammino. L’accordo tra Curia e Comune ha permesso così di realizzare un centro multifunzione che in città mancava.

Nell’edificio vi sarà anche la possibilità di trovare assistenza legale e medica: un “servizio globale”, insomma, che andrà a coprire quei servizi che le amministrazioni non riescono ad offrire. Da qui l’idea della convenzione con Palazzo San Giorgio, che permette di utilizzare una struttura chiusa ormai da diversi anni e che sarebbe andata incontro all’abbandono totale. L’edificio è stato ceduto in comodato alla Curia, che si è impegnata a svolgere una serie di attività mirate ai più bisognosi. Due realtà che si sono incontrate a metà strada: al Comune probabilmente un altro asilo non sarebbe servito, e comunque sarebbero stati necessari molti soldi per rimetterlo in sesto; dall’altro lato, invece, la Curia, che aveva le possibilità di mettere in piedi una serie di servizi ma non possedeva un locale idoneo.

Oltre 400 sono i volontari, 40 i responsabili, 1.200 i pasti caldi ogni mese, un dormitorio che ospita dalle 5 alle 18 persone ogni notte.

Don Franco D’Onofrio, Presidente della Caritas di Campobasso, ha dichiarato: «Andiamo avanti con circa 600 euro al mese per preparare 1.200 pasti perché i beni principali -pasta, latte, riso, carne, frutta – ci sono donati da piccoli commercianti, dalla grande distribuzione o da semplici cittadini che passano a trovarci. Con la “Casa degli Angeli” abbiamo messo in campo un grande progetto, sociale ed educativo, e grazie al finanziamento della CEI riusciremo ora a creare un vero dormitorio, due mini alloggi per famiglie in difficoltà, un centro di ascolto itinerante con gli angeli della notte, un servizio di docce per i senza tetto, un ambulatorio, una lavanderia sociale dove tutti potranno lavare i propri abiti, un emporio dove si potranno acquistare beni di prima necessità con una tessera a punti che servirà a monitorare le famiglie in difficoltà, e poi ci sarà la banca del tempo, un gruppo cioè di professionisti che metterà a disposizione dei più deboli il proprio tempo e le proprie competenze».

Rassegna stampa – Primo Piano Molise

Commenti Facebook

commenti

Scrivi un commento:

*

Il vostro indirizzo mail non sarà pubblicato.

© Sacro Militare Ordine Costantiniano - Delegazione di Napoli e Campania.
Seguici su: